martedì 26 febbraio 2013

LETTERA DEL PRIORE GENERALE AL PAPA BENEDETTO XVI


ferdandoconpapa (Custom).jpg
Roma, 12 febbraio 2013
Prot. 21/2013

A Sua Santità
Papa Benedetto XVI

Beatissimo Padre,
abbiamo appreso con viva sorpresa ed emozione la Sua dichiarazione odierna di voler rinunciare al ministero petrino. A nome mio personale e dell’intero Ordine Carmelitano desidero esprimerLe, in questo momento particolare della Sua vita e della storia della Chiesa, i sentimenti di profondo affetto e gratitudine per il servizio svolto con dedizione e abnegazione alla comunità dei credenti in Cristo. Con grande rispetto accolgo le motivazione da Lei proposte: sono segno del Suo amore per la Chiesa e della coscienza con cui ha svolto e svolge il ministero di Pastore romano e universale.

Ricordo con emozione inalterata i momenti in cui ho potuto incontrarLa di persona e le parole di vicinanza e di interessamento da Lei rivolte in più occasioni, non tanto alla mia persona quanto all’Ordine e alla sua vita, sin dalla prima udienza pubblica alla quale partecipai da poco eletto Priore Generale, nel 2007. Grande gioia ho provato con i miei confratelli e con tutti i membri della Famiglia Carmelitana, il 26 aprile 2009, quando sul sagrato della Basilica di San Pietro abbiamo ascoltato la Sua voce, mentre dichiarava iscritto nel catalogo dei santi san Nuno de Santa Maria. Rimasi molto toccato anche dal Suo affettuoso interessamento per l’attività che svolgiamo con i giovani, quando venimmo ad incontrarLa a Castelgandolfo assieme ai giovani europei che partecipavano al “Pellegrinaggio della Speranza”, nel 2010. In quell’occasione Lei mi disse che i Carmelitani sono “quelli che ci insegnano a pregare”: Le assicuro che quelle parole sono rimaste  profondamente impresse nel nostro cuore. L’anno successivo molti di loro assieme a me e ad altri frati e suore Carmelitani hanno partecipato alla Giornata Mondiale della Gioventù di Madrid, dove abbiamo ancora una volta potuto ascoltare la Sua forte parola che ci incoraggia nel seguire il Signore Gesù e a portarlo al mondo. Di recente ho potuto rivolgerLe un breve saluto durante l’udienza generale del 19 settembre 2012, in occasione del Congresso Internazionale dei Laici Carmelitani.

La ringraziamo per le beatificazioni che ha voluto approvare e celebrare durante il Suo pontificato, alcune delle quali durante il mandato del mio predecessore P. Joseph Chalmers: la b. Maria Crocifissa Curcio, la b. Maria Teresa Scrilli, i bb. Angel Prat e compagni martiri carmelitani, la b. Candelaria de San José, il b. Angelo Paoli. Altri due gruppi di martiri in Spagna nel XX secolo, attendono di essere beatificati il prossimo ottobre. Così anche di varie figure eminenti per santità sono state riconosciute le virtù eroiche. A tutti costoro e ai Santi Carmelitani affidiamo la Sua persona, perché la assistano e la proteggano.

Conosciamo infatti bene il Suo affetto verso la Madre e Sorella del Carmelo e in diverse occasioni abbiamo apprezzato i riferimenti ad Essa. Così anche sappiamo bene come Lei non ha mai dimenticato di aver abitato per lunghi anni nel territorio della parrocchia di S. Maria in Traspontina, che ha visitato in varie occasioni da Cardinale, in particolare durante una novena in preparazione alla solennità del Carmine e per tenere un incontro di lectio divina.

La ringraziamo per il coraggio e la speranza – che Lei non ha mai smesso di indicare come essenziale per la vita cristiana – con cui ha compiuto il gesto, inatteso, di rinuncia. Le siamo vicini, Santo Padre, in questo momento grave della Sua vita e della nostra di cattolici. Come e più di sempre, Le assicuriamo la preghiera e l’affetto filiale, certi che la Sua decisione è un segno della presenza e dell’azione dello Spirito per il bene della Chiesa.

Assieme ai miei confratelli e consorelle Carmelitani, mi confermo una volta di più figlio devotissimo della Chiesa, di Lei, Santo Padre, e di chiunque lo Spirito e i Cardinali vorranno donarci come successore di Pietro.

P. Fernando Millán Romeral, O.Carm.
Priore Generale



Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.